// Archivio Autore

manuel

manuel ha scritto 104 articoli per Web Burning Blog

Work Smart Video: The Pitfall of Productivity Porn

Work Smart Video: The Pitfall of Productivity Porn

The perennial question we always got from obsessive Lifehacker readers: How do you actually be more productive if you spend all your time looking for new ways to get stuff done? In this week’s episode of Work Smart 2 , I got to give my best answer to that question. Bill Clark asks how you can actually work smarter when you spend a lot of time learning new productivity tricks. I share my favorite tool for keeping yourself honest, and then asked author of productivity bible Getting Things Done David Allen for his thoughts. (In short: there are worse ways to waste time.) Press play on the 2-minute, 30-second video clip below. During my research for this video, I went back to using RescueTime in earnest. The charts it generated , which show what programs you spend the most working in, are really insightful for anyone who wants to do more self-monitoring. If you’re having a particularly rabbit-holey day, RescueTime’s Growl notifications which say things like “You’ve spent 45 minutes on distracting activities” can help you get back on track, too. Even if they tempt you to just quit the program and keep reading Lady Gaga’s Wikipedia entry anyway.

This Week in Google, Episode 47

This Week in Google, Episode 47

Great conversation today on TWiG with our guest Chris Messina , who dropped knowledge on the history and differences between OAuth and OpenID–which in an age of “Facebook wants to own all your sign-ons,” is an important discussion. My tip this week: to grab the Android Swype beta within the next couple of days while it’s still available, as previously-recommended ShapeWriter is no longer in the Market.

This Week in Google, Episode 46

This Week in Google, Episode 46

This week’s episode of TWiG featured Jeff Jarvis Skyping over 3G from a moving car on a NJ highway, Brad Stone from the NY Times who was a total trooper during our criticism of the Times’ takedown of the Pulse iPhone RSS reader, and Om Malik of Gigaom, a very smart teddy bear who I’d like to hug. My tip this week: the new Gmail Labs’ Maps Preview, which embeds a Google Map into any email that has a U.S. address in it.


Realizzazione Sito Gestionale Immobiliare

The Complete Guide to Google Wave Now in Print!

The Complete Guide to Google Wave Now in Print!

I’m thrilled to announce that the online book by Adam Pash and myself, The Complete Guide to Google Wave , is now in print! Order your copy here. The new edition is double the pagecount of the Preview PDF released last fall and it’s packed with screenshots and examples. In this expansion, Adam and I went out of our way, page after page, to illustrate the answer the most common question about Wave: “What is the point ?” We added two new chapters, completely rewrote several existing chapters, and since the book is now available in print, added an index for easy reference. We scored a Foreword from one of my web heroes, Lars Rasmussen, who with his brother Jens created Google Maps and Google Wave. The coolest part of this DIY undertaking is that a portion of print book sales go to a great cause. San Diego-based charity Partnerships with Industry fulfills our print book orders. Instead of sending half the cost of the print book in an existing online print-on-demand service, your book dollars create a job for adults with developmental disabilities in my community. The new edition of The Complete Guide to Google Wave is available as both a PDF ($9) and a print book ($25) and on the web site (free). If you’ve already purchased the Preview PDF, to thank you for your early support, we’re upgrading you to the First Edition PDF for free. Keep an eye on your email inbox for that.

Three Ways You Can Help Build ThinkTank

Three Ways You Can Help Build ThinkTank

Hi all! I’ve been working furiously on ThinkTank over at Expert Labs for about six weeks now. Once in awhile I’ll post an update on where we’re at with the project. This is such an update, and it’s cross-posted from the Expert Labs blog . ThinkTank development has been going strong , but we need your help. If you’re a ThinkTank tester and/or a web developer, join the mailing list , fork the code , install ThinkTank on your server, and help us build the software and documentation. If you don’t know what you can do or where to start, here are the three main priorities for ThinkTank right now: 1. Facebook Integration. We’ve been working hard to make ThinkTank an extensible platform that any social network can plug into. We’ve just abstracted ThinkTank’s Twitter functionality into a plug-in prototype, and it’s time to try out plugging in another data source. Its popularity makes Facebook the next logical choice. To start, we need to add Facebook Connect functionality to the ThinkTank webapp, which will allow users to grant ThinkTank access to their Facebook account (much like you can via Twitter OAuth right now)

My Projects Twitter List

My Projects Twitter List

Recently someone asked me how many Twitter accounts I have. The answer is four. Four! Yes, I tweet. A lot. For different projects and purposes. If you care, here’s a Twitter list of all my accounts .

Kindle per iPhone anche in Italia

Kindle per iPhone anche in Italia

Amazon ha reso internazionale la disponibilità di Kindle su App Store, che ora appare anche sulla sezione italiana. Kindle, prima disponibile solo negli Stati Uniti, mette a disposizione di iPhone e iPod touch l’intera biblioteca di quasi quattrocentomila e-book, libri elettronici, allestita da Amazon per gli acquirenti dell’edizione hardware di Kindle. L’applicazione consente l’acquisto, lo scaricamento e la lettura dei libri ed è possibile leggere gratuitamente l’inizio di ogni volume prima di comprarlo, un po’ come l’anteprima di iTunes per i brani musicali. C’è un meccanismo di segnalibri per non perdere il filo della lettura e si possono impostare sei dimensioni diverse dei caratteri, per consentire la lettura nelle condizioni migliori. Esiste anche una opzione di impostazione del numero di parole per riga. I libri sono annotabili ed evidenziabili, come fanno molti studenti, e sono a colori. Kindle per iPhone e iPod touch sincronizza con qualsiasi Kindle e qualsiasi applicazione Kindle, che oltre a essere presente su Windows è prevista per i prossimi mesi anche per Mac. L’applicazione è gratuita. Ping!: disponibile su Apple Store l’applicazione che permette l’invio gratuito di Sms Apple al contrattacco: è Nokia che viola i nostri brevetti Arriva anche in Italia Photoshop per iPhone Ecco come creare applicazioni per iPhone facilmente Deutsche Bank: iPhone sfonda nelle imprese Apple: a breve sarà attivato il supporto per l’ascolto della radio FM Anteprima di tutti i brani in iTunes Store 12 giorni di regali su iTunes Store Nuova pagina “mobile” per Twitter Installare Chrome OS con la virtual machine Condividi:

Telecom, tre miliardi nella banda larga

Telecom, tre miliardi nella banda larga

Franco Bernabè, amministratore delegato di Telecom Italia, si fa intervistare nella rubrica domenicale di Lucia Annunziata e fa un’autodifesa estrema del proprio operato alla guida del grande gestore telefonico. Bernabè ammette di subire, in questo momento, pressioni paragonabili a quelle ricevute al tempo dell’Opa di Colaninno quando, non accettando che Telecom Italia fosse oberata dal debito dell’Opa, preferì essere cacciato, lettaralmente, dal vertice dell’azienda. Ora Bernabè si oppone allo scorporo della rete di Telecom Italia, un gioco finanziario che indebolirebbe l’azienda senza risolvere i suoi problemi; Telecom – ha annunciato – è invece pronta a investire tre miliardi di euro in tre anni proprio sulla nuova rete a banda larga. Mentre ai tempi dell’Opa era chiaro che le pressioni venivano non solo dagli ambienti bancari ma, soprattutto, dal governo D’Alema assolutamente pro-Colaninno, Bernabè nega che dietro le manovre per farlo cedere sullo scorporo ci siano Mediaset e il suo proprietario-Premier Silvio Berlusconi: ciò sembra confermare la scelta di Bernabè di mantenersi in buoni rapporti con il centrodestra. Ora la parola passa agli azionisti, i quali dovranno decidere se accettare di ridurre i propri dividenti anche solo per finanziare un piano di 3 miliardi, comunque al di sotto dell’esigenza di dotare il Paese di una nuova infrastruttura per la banda larga ad alta velocità Banda larga, Galateri chiede al Cipe di sbloccare gli 800 milioni Bernabé: niente fibra ottica per l’Italia Condividi:

I soldi per la banda larga a inizio 2010

I soldi per la banda larga a inizio 2010

I fondi per la banda larga, congelati nel 2009, promessi dal ministro Brunetta per fine anno, non sono entrati nella Finanziaria. Ma il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, assicura che i fondi ci saranno per inizio 2010. Il ministro, parlando a margine di un convegno, promette un “percorso graduale” per azzerare il Digital Divide. “Faremo un percorso graduale, per non accantonare risorse che adesso non possiamo destinare” ha spiegato Scajola. “Dobbiamo impegnarci per stanziamenti pubblici che per la banda larga, perchè crediamo che il mercato continuerà a costruire reti efficienti, ma solo dove l’investimento è remunerativo. Dove non lo è”, ha sottolineato il ministro, “deve essere aiutato dall’intervento pubblico”

Twitter da oggi è in italiano

Twitter da oggi è in italiano

Era il 12 ottobre quando nel blog di Twitter era apparso un post nel quale Biz Stone annunciava l’iniziativa di localizzare il suo social network in francese, tedesco, spagnolo e italiano (identificate con l’acronimo FIGS). Per inviatare i cinguettanti utenti a partecipare, Stone aveva usato il motto “People Make Twitter Better” e aveva anche messo a disposizione dei volontari gli strumenti necessari affinché dessero una mano. volontari non sono stati scelti casualmente: il gruppo di lavoro è stato accuratamente selezionato e, al posto di una retribuzione in denaro, l’impegno è stato ripagato con un badge associato ai rispettivi profili che, mediante un indicatore in scala da 1 a 10, fanno capire il livello di affidabilità delle traduzioni svolte. L’iniziativa ha evidentemente avuto successo, e sono bastati meno di due mesi perché la versione italiana del sito di microblogging andasse ufficialmente online, oggi. Il messaggio nel blog ufficiale di Twitter ha comunicato l’evento invitando gli italiani a in Tweetup a base di pizza che è in fase di organizzazione nel gruppo @pizzatwit: se siete interessati prenotatevi! Inoltre, nel blog si spiega a tutti gli utenti che per usare Twitter in italiano basta andare nelle impostazioni del proprio profilo e selezionare l’italiano dal menu a tendina relativo alla lingua. Fra le comunicazioni si legge che “Siamo emozionati perché oggi con il lancio della versione italiana del nostro sito diventiamo ancora di più una piattaforma di comunicazione globale. Come sempre, desideriamo ringraziare tutti i traduttori che hanno partecipato al progetto e che ci hanno mostrato la loro bravura”. “Ora che le conversazioni su Twitter si arricchiscono di punti di vista sempre più diversificati a livello globale, il network di informazioni continuerà a crescere in ogni angolo e fessura del pianeta. Più eventi saranno condivisi, più conoscenza e consapevolezza si diffonderà e i milioni di persone che alimentano Twitter influenzeranno altri milioni di persone con i loro tweet”

P2p e malware, i costi nascosti della pirateria

P2p e malware, i costi nascosti della pirateria

Chi scarica illegalmente, spesso non sa che, oltre ai danni morali (legati al furto d’identità e privacy), rischia veri e propri danni al proprio Pc. Un italiano su due scarica film e musica illegalmente (45,7%): ma il download abusivo può incorrere in malware e worm, causando gravi problemi al Pc, quantificabili in 400 milioni di euro all’anno di danni al computer. Lo afferma uno studio di Euromediia e Iulm. La violazione di copyright ha dei costi nascosti: rischi legati alla sicurezza informatica. Ai 530 milioni di euro di perdita di fatturato annuale al mercato video, vanno sommati i 400 milioni di euro all’anno di danni al Pc dell’utente downloader; più i costi associati al furto d’identità (furto di codici bancari, password eccetera). Il 73% è consapevole dei rischi ma non cambia abitudini; invece il 27% è un downloader incosciente che crede sia sufficiente un antivirus per evitare guai. Anche perché la maggior parte dei pirati italiani, confonde P2p, file sharing, streaming e downloading: la confusione regna sovrana anche nel mare magnum della pirateria digitale, e a guadagnarci è la diffusione dei malware. File Sharing sotto attacco! Apple contro Psystar: brutto colpo per il produttore di cloni Rai in streaming: Tutti i suoi canali e le fiction in HD, tutto legale TV in streaming con VLC File Sharing nuovamente sotto inchiesta Radio Sure: ascoltare e registrare 12.000 stazioni radiofoniche online Fizy per cercare e ascoltare musica gratis online Vuze 4.2 disponibile per il download Netgear ITV2000 per visualizzare i contenuti multimediali in linea sulla TV Soundzit: ricercare e ascoltare gratis buona musica online Condividi:

Privacy e Facebook: Istruzioni per l’uso di un social network no risk

Privacy e Facebook: Istruzioni per l’uso di un social network no risk

I social network no risk, in tema di privacy, devono ancora essere inventati. Tuttavia, è possibile sistemare Facebook a prova di “spioni”, configurando i setting nel modo più efficace. I setting privacy su Facebook non sono stati semplificati, anzi, sono molto più complessi, ma anche più potenti. Aggiornarli è obbligatorio, anche perché di default lasciano foto e Post alla mercé della sfera pubblica. Se non si configurano, anche le “privatissime” visioni politiche e religiose vengono esposte a tutto il network. La monetizzazione di Facebook passa attraverso la sua apertura ai motori di ricerca, per diventare “ricercabile” come Twitter, open di natura; ma l’eccessiva apertura di Facebook mette tuttavia a rischio la riservatezza degli utenti del Web 2.0

Eurostat boccia la banda larga italiana

Eurostat boccia la banda larga italiana

Il Digital e il Cultural Divide condannano l’Italia ancora una volta a fanalino di coda delle classifiche europee. Lo afferma Eurostat: meno di 4 famiglie su 10 sono connesse in broad band. Sotto il 40%, lontano dalla media Ue cresciuta quest’anno al 59%. La Svezia campeggia all’80%, seguita dall’Olanda al 77%, Regno Unito al 69%, Germania al 65%, Francia al 57%. Peggio dell’Italia sono solo Grecia (33%) e Bulgaria (26%). I dati di Eurostat vedono però l’Italia malmessa anche in termini di connessione a Internet. Nel 2009 soltanto il 53% delle famiglie, il 10% in più del 2007, si collega alla Rete, sotto la media Ue del 65%. Solo Grecia (38%), Bulgaria (30%), Portogallo (48%) sono più restii degli italiani a navigare sul Web. Nella classifica delle case con accesso a internet, l’Italia si piazza come Cipro ed è scavalcata da Repubblica Ceca (54%), mentre la Germania veleggia al 79%, la Francia al 63%, il Regno Unito al 77% e la Svezia all’86%

Pocket Drive, 250 Gbyte in soli 85 grammi

Pocket Drive, 250 Gbyte in soli 85 grammi

Pocket Drive di Verbatim è un hard disk portatile da 1,8 pollici (le dimensioni sono 90×64×14 mm) che offre 250 Gbyte di capacità ed è contenuto in un case di alluminio nero; le dimensioni ridotte gli consentono di stare nella tasca dei pantaloni. Oltre al peso contenuto (85 grammi) Pocket Drive offre preinstallati un software di backup e uno per la sincronizzazione. Per il backup è presente Dmailer mentre Sync si occupa della sincronizzazione, per esempio con il computer di casa; durante il trasferimento dei dati una luce Led azzurra si illumina. Pocket Drive è disponibile nei negozi, con un astuccio per il trasporto incluso nella confezione, al prezzo di 109 euro Iva inclusa. Sandisk Ultra Backup USB: la pendrive con tasto backup integrato La nuova tastiera di Verbatim con speaker integrati RichardSolo 1800 Smart Backup Battery Gmail Backup per archiviare la posta di Gmail DocStoc: il backup dei vostri documenti in linea SpiderOak: servizio di backup online per Windows, Linux e Mac USB Image Tool: utility di backup/restore per drive USB Sincronizzare le cartelle con Pathsync Macrium Reflect Free: utility di backup gratuita AceBackup: backup utility gratuita per Windows Condividi:

Google Chrome arriva su Mac OS X e Linux

Google Chrome arriva su Mac OS X e Linux

Nel corso della giornata di ieri Google ha annunciato ufficialmente e resa disponibile per il download la versione beta di Google Chrome per il sistema operativo Mac OS X. Dopo parecchi mesi di attesa il browser del colosso di Mountain View approda anche sul sistema operativo della Mela. Google Chrome è stato lanciato nel settembre del 2008, inizialmente solo per sistemi operativi Windows. La versione per Mac OS X è stata in principio pianificata per la prima metà del 2009, quando lo stesso co-fondatore di Google aveva pubblicamente definito come “imbarazzante” l’assenza del browser per la piattaforma di Apple. Google Chrome per Mac è disponibile per il download (17,6MB) a questo indirizzo . E’ necessario disporre almeno della versione 10.5 di Mac OS X e di un sistema provvisto di processore Intel: Chrome non opera su sistema operativo Mac OS X 10.4 “Tiger” e precedenti e sulle macchine con processori PowerPC. Google ha pubblicato un video su YouTube dedicato espressamente alla versione Mac di Google Chrome. Vi ricordo che Chrome è basato sull’engine di rendering WebKit, già utilizzato per numerosi altri browser tra i quali Safari. Le novità per Chrome , finiscono però qui : assieme alla versione per Mac OS X, Google ha reso disponibile anche la versione per Linux , che oltre alle caratteristiche già presenti nella versione Windows, offre il supporto ai temi GTK. E da ultimo, non certo per importanza, anche l’annuncio di una nutrita libreria di estensioni , supportate però solamente nelle versioni Windows e Linux: gli utenti Mac, ancora una volta, dovranno attendere. Google Chrome OS al debutto Installare Chrome OS con la virtual machine A1 Liquid: lo smarphone Android di Acer è in vendita FireFox continua a crescere, ma dipende ancora troppo da Google Un mouse a 18 tasti da usare con OpenOffice GKrellM: il monitor di sistema cross-platform Elisa il media center open source diventa cross-platform Iconvert: il servizio di conversione icone per Windows, Mac e Linux Chrome diventa il browser predefinito di Google Pack Google Chrome: addio fase beta! Condividi:

I malfunzionamenti del Pc sono fonte di stress per la maggior parte degli utenti

I malfunzionamenti del Pc sono fonte di stress per la maggior parte degli utenti

Secondo un recente studio di Panda Security i problemi legati al malfunzionamento del Pc possono essere causa di stress. Il 63 per cento del campione intervistato ha risposto che questo tipo di anomalie nel computer genera un livello medio-alto di nervosismo, mentre il 7 per cento arriva addirittura a uno “stato di assoluta disperazione”. Una delle scocciature che affligge maggiormente la popolazione sembra essere la scomparsa del puntatore del mouse. Quando ciò avviene si ricorre ad azioni di ogni specie, come riavviare il Pc o controllare i cavi (37%), pulire il mouse (7%), cambiare le pile (2%), e perfino prendere a colpi il mouse (4%). Meno della metà degli intervistati decide di mantenere la calma e utilizzare la tastiera in sostituzione. Anche i problemi relativi alla connessione a Internet creano non poche tensioni. Per risolverli la maggior parte degli utenti riavvia il router ripetute volte (58%), o fa lo stesso con il computer (30%); solo il 6 per cento degli intervistati si rivolge al servizio tecnico. Anche le “schermate blu” mettono in agitazione: la metà delle persone si fermano a leggere il testo di errore per verificarne la causa, il 32 per cento riavvia il computer, mentre il 5 per cento opta per spegnere direttamente la macchina; il 2 per cento sceglie di formattare l’hard disk. La lentezza del Pc nell’avviarsi urta la sensibilità del 37 per cento degli utenti; solo il 24 per cento, però, decide però di indagare sulle cause del rallentamento mentre il 6 per cento preferisce perfino comprarne uno nuovo. Un risicato 1 per cento pensa che questo problema potrebbe dipendere dal malware e opta per l’analisi attraverso un antivirus.

Intel rimanda ancora il lancio del processore grafico Larrabee

Intel rimanda ancora il lancio del processore grafico Larrabee

Intel ha ulteriormente rimandato il lancio commerciale del processore grafico Larrabee, che secondo gli ultimi annunci doveva essere rilasciato nel 2010. La causa sembra essere un ritardo rispetto ai piani di sviluppo previsti, secondo quanto riportato da un portavoce di Intel. Non sono stati forniti ulteriori dettagli a riguardo. Intel conferma comunque la volontà di lanciare il chip grafico e discuterà la nuova data di lancio l’anno prossimo. Entro il 2010 verranno comunque rilasciati campioni di Larrabee per gli sviluppatori, insieme a strumenti per consentire loro di scrivere e testare applicazioni dedicate. Intel ha dato una dimostrazione di un sistema basato su Larrabee nel settembre scorso all’Intel Developer Forum di San Francisco.

YouTube, lavori in corso per connessioni con poca banda

YouTube, lavori in corso per connessioni con poca banda

Una vera e propria ottimizzazione che consentirà al popolare sito di condivisione video, in un prossimo futuro, di divenire ancora più popolare. YouTube infatti ha recentemente lanciato la fase beta del programma “feather” (in inglese significa piuma, chiaro il riferimento alla leggerezza). La nuova versione è stata descritta come una pagina ultra leggera, ridotta all’indispensabile e ripulita da ogni elemento superfluo. Chris Zacharias, ingegnere di YouTube, ha così commentato sul blog ufficiale del popolare servizio l’inizio del programma beta: “A consequence of rolling out higher quality video, HD and, more recently, 1080p, is that playbacks might suffer if bandwidth or computer processing power is low. There are also a few countries where bandwidth is at a premium and videos can take several seconds to start playing”. Le recenti innovazioni apportate all’intero di YouTube, come l’introduzione dei filmati in Full-HD rappresentano una vera e propria prova del 9 per la banda messa a disposizione di YouTube. Non è detto che tutti i paesi abbiamo una connessione broadband di alto livello. Il portavoce ha poi continuato: “Let’s face it: in this age of instant gratification, even several seconds of loading time can feel like an eternity”. Insomma, la nuova versione feather intende andare a risolvere parte dei problemi di lentezza del servizio. La beta, disponibile a questo indirizzo , è, come tutte le fasi sperimentali di ogni servizio, non funzionante per tutti i tipi di video. YouTube migliora la qualità delle immagini: a giorni sarà disponibile in alta definizione Censis: sono 20 milioni gli italiani nelle community Gli italiani su Google cercano Facebook e social network INQ Chat 3G: il telefonino “social” di 3 Italia Confalonieri, attacco frontale a Google e YouTube Presentato Chrome Os: ecco il nuovo sistema operativo di Google Un media player che riproduce in Full HD Uscita la demo di PES 2010: replay già su YouTube Scaricare video da Youtube con Video DownloadHelper 4.6.2 File Sharing sotto attacco! Condividi:

Metal Gear Solid: Peace Walker ha una data

Metal Gear Solid: Peace Walker ha una data

Konami annuncia che, il prossimo episodio della serie Metal Gear Solid – Metal Gear Solid: Peace Walker – sarà disponibile a partire dal 27 di Maggio 2010 in Italia. Sviluppato sulla base delle specifiche della console portatile PSP, Metal Gear Solid: Peace Walker è, di fatto, un nuovo capitolo della leggendaria saga dello esperto in operazioni speciali, Snake (a.k.a. Big Boss), e, cronologicamente, si posiziona esattamente dopo le vicende del precedente Metal Gear Solid 3: Snake Eater. Questo nuovo capitolo è ambientato nel 1974, alla fine della Guerra Fredda, e racconta una storia tutta nuova, scritta e diretta dallo stesso Hideo Kojima. Come nella migliore tradizione, Metal Gear Solid: Peace Walker catapulta il giocatore all’interno degli scenari più ostili dove si sta manifestando un terribile piano di dominazione mondiale. Infiltrandosi nelle roccaforti nemiche, il giocatore dovrà cimentarsi in una varietà di missioni, e si troverà di fronte alcuni tra i più incredibili boss di fine livello mai affrontati. Grazie ad una buona grafica, I.A. (intelligenza artificiale) dei nemici migliorata, e ad una trama intricata, piena di colpi di scena, non c’è da meravigliarsi se Metal Gear Solid: Peace Walker viene già definito come uno dei giochi più interessanti del 2010. In aggiunta alle missioni in solitaria, i giocatori potranno ora agire di concerto per il raggiungimento di un obbiettivo comune nella modalità CO-OPS multi-player (CO-operative OPerationS). Aiutare i compagni feriti con supporto medico, spartirsi le munizioni oppure infiltrarsi dietro le linee nemiche in formazione coprendosi l’uno con l’altro per evitare di farsi cogliere di sorpresa. Inoltre sarà possibile pianificare le azioni di guerriglia per avere ragione degli avversari, ad esempio con un giocatore nel ruolo di “esca” per permettere ai compagni di infiltrarsi in posizioni vantaggiose. “I fan di Metal Gear Solid dovrebbero prepararsi al prossimo capitolo della saga di Snake,” ha commentato Hideo Kojima , Head of Kojima Productions e creatore della serie Metal Gear Solid.

Metal Gear Solid: Peace Walker ha una data

Metal Gear Solid: Peace Walker ha una data

Konami annuncia che, il prossimo episodio della serie Metal Gear Solid – Metal Gear Solid: Peace Walker – sarà disponibile a partire dal 27 di Maggio 2010 in Italia. Sviluppato sulla base delle specifiche della console portatile PSP, Metal Gear Solid: Peace Walker è, di fatto, un nuovo capitolo della leggendaria saga dello esperto in operazioni speciali, Snake (a.k.a. Big Boss), e, cronologicamente, si posiziona esattamente dopo le vicende del precedente Metal Gear Solid 3: Snake Eater. Questo nuovo capitolo è ambientato nel 1974, alla fine della Guerra Fredda, e racconta una storia tutta nuova, scritta e diretta dallo stesso Hideo Kojima. Come nella migliore tradizione, Metal Gear Solid: Peace Walker catapulta il giocatore all’interno degli scenari più ostili dove si sta manifestando un terribile piano di dominazione mondiale. Infiltrandosi nelle roccaforti nemiche, il giocatore dovrà cimentarsi in una varietà di missioni, e si troverà di fronte alcuni tra i più incredibili boss di fine livello mai affrontati. Grazie ad una buona grafica, I.A. (intelligenza artificiale) dei nemici migliorata, e ad una trama intricata, piena di colpi di scena, non c’è da meravigliarsi se Metal Gear Solid: Peace Walker viene già definito come uno dei giochi più interessanti del 2010. In aggiunta alle missioni in solitaria, i giocatori potranno ora agire di concerto per il raggiungimento di un obbiettivo comune nella modalità CO-OPS multi-player (CO-operative OPerationS)