HardWare & Gadget

Era su Facebook, assolto dall’accusa di furto

14 Nov/09

facebook_logoNon può aver commesso una rapina, a quell’ora stava aggiornando il suo stato su Facebook. Chissà cosa avrebbero detto Hercule Poirot o Sherlock Holmes, grandi investigatori della letteratura, di un alibi simile. Per ora, sappiamo che un giudice di New York lo ha considerato valido. Così, al giovane Rodney Bradford è bastato scrivere sulla sua bacheca “Dove sono i miei pancake?” e dimostrare che quel commento era stato proprio aggiunto dal suo computer, nel suo appartamento di Harlem, per essere scagionato dall’accusa di furto in un appartamento di Brooklyn. Si tratta del primo caso in cui un post su un social network è considerato un alibi nell’ambito di un processo. Certo, ogni aggiornamento su Facebook riporta l’ora e la data in cui è avvenuto, e certamente chi ha scritto quella frase conosceva i dati di accesso all’account del giovane Bradford, ma può bastare? Al di là del caso specifico, gli esperti hanno già iniziato a dividersi: Joseph A. Pollini, docente di Giustizia Criminale al John Jay College, ha dichiarato al New York Times che “gli adolescenti sono molto esperti nell’uso di internet” e quindi occorrerebbe più prudenza nel valutare questo tipo di prova. In fondo, è chiaro a tutti, chiunque possegga la password e lo username di un utente di facebook è in grado di aggiornarne lo stato. Un simile precedente legale rischia di creare la figura del complice virtuale, qualcuno che può coprire le spalle al proprio socio semplicemente restando a casa sua e usandone il computer. Finora, avevamo assistito a un caso esattamente opposto: un ladro che, nel bel mezzo di un furto, non ha resistito alla tentazione di scrivere su facebook dal computer delle sue vittime, lasciando una traccia decisiva per incastrarlo… In un’altra circostanza, una giovanissima lavoratrice ha perso il posto di lavoro per aver comunicato la propria delusione rispetto agli incarichi che le venivano affidati.
Per non parlare di una lavoratrice svizzera che, a casa in malattia, è stata colta a chiacchierare su Facebook e prontamente licenziata. Attenti a quel che fate sui vostri social network, potrebbe costarvi il lavoro, o salvarvi dalla galera.

Condividi:

del.icio.us
Facebook
Google
OKnotizie
Technorati
Wikio
Print this article!
E-mail this story to a friend!

Continua a leggere – Original Link: Era su Facebook, assolto dall’accusa di furto

Technorati Tags: , , , , , , , , , ,

Realizzazione Sito Gestionale Immobiliare

Leggi Anche

Condividi
Condividi in DeliciousCondividi in DiggCondividi in RedditCondividi in StumbleCondividi in MixxCondividi in TecnoratiCondividi in Ok Notizie

Commenti

I commenti sono disabilitati per questo articolo.

I commenti sono chiusi.

Autore

Archivio

Iscrizione Newsletter

    Tieniti informato con tutte le novità del mondo informatico con la nostra newsletter
    Email:

    Nome:

    Auto Shop Italia
    Web Burning Blog
    Info Privacy

Meta