Internet

Allarme per il virus dei conti correnti

14 Nov/08

Un trojan mette in allarme le istituzioni finanziarie di tutto il mondo. Squadre anti-hacker al lavoro per debellarlo

LONDRA – Se ne è stato buono buono per due anni e mezzo, limitandosi a infettare in gran segreto migliaia di computer in tutto il mondo e a collezionare dati sensibili quali numeri di conti correnti e carte di credito e codici per l’utilizzo di servizi di home banking. Ma da qualche mese a questa parte è entrato in una fase di piena operatività gettando nel panico gli operatori finanziari di tutto il pianeta. Il Windows Sinowal trojan, un virus capace di aprire ai suoi ideatori le porte di tutti i pc con cui entra in contatto, è stato scoperto per la prima volta nel febbraio del 2006. Ma è in quest’ultimo periodo che la sua attività ha fatto scattare un campanello d’allarme su scala globale.

INFEZIONE SENZA FRONTIERE – Secondo la Rsa, una società che si occupa di sicurezza dei network citata dal sito della Bbc, avrebbe già compromesso qualcosa come 500 mila tra conti bancari online e carte di credito, di cui avrebbe compromesso la funzionalità. Questo software è particolarmente insidioso e viene addirittura definito uno dei più insidiosi crimeware mai creati nella storia delle truffe informatiche. Oltre a conti e carte di credito, questo trojan avrebbe consentito di mandare in tilt anche i sistemi informatici di istituzioni finanziarie di vari Paesi, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia e Polonia. Nessun conto sarebbe invece stato intaccato in Russia e questo potrebbe accreditare la tesi secondo cui il virus sarebbe stato sviluppato proprio in questo Paese o in un’altra delle nazioni dell’Europa orientale.

CRESCITA ESPONENZIALE – L’infezione dei pc avviene con il semplice transito da pagine web in cui il virus è stato infiltrato, pronto per essere inconsapevolmente scaricato dai visitatori occasionali. Secondo i ricercatori di Google, sempre citati dalla Bbc, ci sarebbero centinaia di migliaia di siti potenzialmente pericolosi: un’analisi condotta nell’aprile del 2007 ha infatti permesso di stimare che almeno una pagina ogni dieci, tra le quattro milioni e mezzo esaminate, è sospetta di essere portatrice del virus. E nel corso del 2008 la diffusione del virus è continuata con una crescita esponenziale al putno che, stando alle stime di Sophos, sarebbero già state infettate 6 mila nuove pagine, con una progressione inarrestabile pari ad una nuova infezione ogni 14 secondi.

LONDRA – Se ne è stato buono buono per due anni e mezzo, limitandosi a infettare in gran segreto migliaia di computer in tutto il mondo e a collezionare dati sensibili quali numeri di conti correnti e carte di credito e codici per l’utilizzo di servizi di home banking. Ma da qualche mese a questa parte è entrato in una fase di piena operatività gettando nel panico gli operatori finanziari di tutto il pianeta. Il Windows Sinowal trojan, un virus capace di aprire ai suoi ideatori le porte di tutti i pc con cui entra in contatto, è stato scoperto per la prima volta nel febbraio del 2006. Ma è in quest’ultimo periodo che la sua attività ha fatto scattare un campanello d’allarme su scala globale.

INFEZIONE SENZA FRONTIERE – Secondo la Rsa, una società che si occupa di sicurezza dei network citata dal sito della Bbc, avrebbe già compromesso qualcosa come 500 mila tra conti bancari online e carte di credito, di cui avrebbe compromesso la funzionalità. Questo software è particolarmente insidioso e viene addirittura definito uno dei più insidiosi crimeware mai creati nella storia delle truffe informatiche. Oltre a conti e carte di credito, questo trojan avrebbe consentito di mandare in tilt anche i sistemi informatici di istituzioni finanziarie di vari Paesi, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia e Polonia. Nessun conto sarebbe invece stato intaccato in Russia e questo potrebbe accreditare la tesi secondo cui il virus sarebbe stato sviluppato proprio in questo Paese o in un’altra delle nazioni dell’Europa orientale.

CRESCITA ESPONENZIALE – L’infezione dei pc avviene con il semplice transito da pagine web in cui il virus è stato infiltrato, pronto per essere inconsapevolmente scaricato dai visitatori occasionali. Secondo i ricercatori di Google, sempre citati dalla Bbc, ci sarebbero centinaia di migliaia di siti potenzialmente pericolosi: un’analisi condotta nell’aprile del 2007 ha infatti permesso di stimare che almeno una pagina ogni dieci, tra le quattro milioni e mezzo esaminate, è sospetta di essere portatrice del virus. E nel corso del 2008 la diffusione del virus è continuata con una crescita esponenziale al putno che, stando alle stime di Sophos, sarebbero già state infettate 6 mila nuove pagine, con una progressione inarrestabile pari ad una nuova infezione ogni 14 secondi.



(Fonte: Computermente)

Link

Technorati Tags: , , , , ,

Realizzazione Sito Gestionale Immobiliare

Leggi Anche

Condividi
Condividi in DeliciousCondividi in DiggCondividi in RedditCondividi in StumbleCondividi in MixxCondividi in TecnoratiCondividi in Ok Notizie

Commenti

I commenti sono disabilitati per questo articolo.

I commenti sono chiusi.

Autore

Gestionale Immobiliare - Realizzazione Sito Web per Agenzia Immobiliare

Archivio

Iscrizione Newsletter

    Tieniti informato con tutte le novità del mondo informatico con la nostra newsletter
    Email:

    Nome:

    Auto Shop Italia
    Web Burning Blog
    Info Privacy

Meta