Consolle

Adsl e Filtri Peer to Peer

6 Gen/08

Ancora molte polemiche sulla scelta recente di alcuni provider di filtrare o addirittura bloccare del tutto, il traffico peer to peer.
A venire incontro a tutti gli utenti penalizzati dai proprio provider, in questi giorni è scesa in campo l’associazione dei consumatori Aduc, invitandoli a fare battaglia.

Adsl e Filtri Peer to Peer



Come afferma l’Aduc è evidente che queste limitazioni con filtri peer to peer violano le norme: del codice delle comunicazioni elettroniche, del contratto e della concorrenza.

1. Violazione del Codice delle comunicazioni elettroniche. I gestori di Adsl non dovrebbero avere la facolta’ di limitare l’accesso a particolari siti o programmi -proprio come i gestori telefonici non possono imporci chi e quando chiamare, o i benzinai non possono dirci quale strada si puo’ o non puo’ percorrere. Offrire al gestore la possibilita’ di censurare quello specifico software/sito/utente e’ un principio pericoloso che mette a rischio il diritto alla liberta’ di pensiero e alla sua diffusione protetto dalla Costituzione, nonche’ dal Codice delle comunicazioni elettroniche (d.lgs. 259/2003). (1)”
2. Violazione contrattuale. E’ illegittima la pratica se le condizioni generali di contratto non prevedono specificamente il blocco del P2P o di altri programmi. Anche ove il contratto genericamente prevedesse una limitazione della banda in caso di intenso traffico sulla rete, il blocco esclusivo e mirato di P2P certamente non l’unico protocollo a pesare sulla rete (si pensi alle videoconferenze tramite Voip, voice over Internet Protocol)- costituirebbe comunque violazione della legge.”
3. Violazione della concorrenza. Un esempio su tutti. Negli Usa, Comcast -il secondo maggior gestore di Adsl sta limitando l’accesso a programmi P2P, proprio come Tele2 ed altri gestori qui in Italia. Poiche’ molte TV online usano il protocollo P2P, il comportamento di Comcast –che e’ anche il piu’ grande gestore di Tv via cavo- colpisce direttamente la concorrenza. Tale scenario potrebbe presto verificarsi anche in Italia. Con la scusa del troppo traffico, per esempio, Telecom Italia potrebbe rendere difficoltoso agli abbonati Alice Adsl l’utilizzo del protocollo Voip per telefonare ed effettuare videoconferenze tramite Internet, danneggiando cosi’ altri operatori come Skype o Eutelia Voip.”
(Dal comunicato stampa ADUC)

Aduc consiglia “di intimare al gestore l’eliminazione dei filtri e fare richiesta di risarcimento del danno tramite raccomandata a/r di messa in mora” e di fare una segnalazione anche alle autorita’ garanti della Concorrenza e del Mercato (http://www.agcm.it) e delle Comunicazioni (http://www.agcom.it).

Technorati Tags: , , , , , ,

Technorati Tags: , , , , , ,

Realizzazione Sito Gestionale Immobiliare

Leggi Anche

Condividi
Condividi in DeliciousCondividi in DiggCondividi in RedditCondividi in StumbleCondividi in MixxCondividi in TecnoratiCondividi in Ok Notizie

Commenti

I commenti sono disabilitati per questo articolo.

  1. Salve. Vi chiedo una grandissima cortesia. La vodafone internet key ha messo fraudolentemente il limite di 30 kb/s: in molti abbiamo mandato tale lamentela a striscia la notizia, ma chiaramente essenso la vodafone uno sponsor viene ampiamente tutelata. Chiederei, per carità cristiana, un modello di lettera da inviare per liberarmi con un recesso per giusta causa da un abbonamento vodafone. Siete la mia ultima speranza per non soccombere di fronte ai soprusi. Grazie di cuore.

    Inserito da Franco | febbraio 10, 2009, 15:35

Autore

Gestionale Immobiliare - Realizzazione Sito Web per Agenzia Immobiliare

Archivio

Iscrizione Newsletter

    Tieniti informato con tutte le novità del mondo informatico con la nostra newsletter
    Email:

    Nome:

    Auto Shop Italia
    Web Burning Blog
    Info Privacy

Meta